poesia

notte d’autunno

ODOR D’AUTUNNO
Diana

M’affaccio nel buio
d’un cielo senza luna

stormisce altero il vento
stanotte
tra le fronde degli olmi

in turbìne
bisbigli concitati
or lievi ora più gravi
storie assorbite e rese agli angeli
che intendono il linguaggio delle foglie

storie ascoltate e viste
nei viali del giardino
in notti calde ch’escludevano il sonno

notti d’innamorati
che s’amavano e toccavano le stelle

Odor d’autunno stanotte
nell’aria settembrina
rinfrescata anzitempo
e tra i bisbigli cerco la nostra storia
per risentirti in me ora che sei lontano