curiosità

Lo sapevi?

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

Le cabine balneari: una storia (bagnata e su ruote) che parte da lontano

Fin dall’inizio del secolo scorso le spiagge romagnole cominciarono pian piano a popolarsi di sempre più cabine in legno dalle varie trame colorate per permettere ai bagnanti di cambiarsi o riporre i propri beni…e questo lo sappiamo tutti, ma quel che forse non è noto è come nacquero queste cabine.

La storia ebbe inizio circa a metà dell’ ‘800, e non in Italia, ma in Francia e Inghilterra: il mare diventò un luogo frequentato per le cure dei benestanti…ma c’era un problema:

Gli usi dell’epoca erano ben più rigidi degli attuali, e mai sarebbe stato possibile per una donna camminare per la spiaggia con un costume da bagno, per questo le cabine balneari non erano appoggiate sulla spiaggia, ma dotate di ruote e scaletta; in questo modo al momento opportuno la cabina sarebbe stata trasportata in acqua per permettere alla signora all’interno di bagnarsi lontana da occhi indiscreti

Oggi le cabine balneari in legno o cemento sono tante e utilizzate, ma le ruote (almeno da noi) sono state tolte da un bel pezzo!