28 commenti su “buona domenica

  1. La domenica si dovrebbe poter stare mollemente cullati dall’ozio e invece qui non ci si ferma mai…..
    Meno male che tu ci offri sempre un caffè per una pausa 😉

  2. “domenica e’ sempre..domenica…” dice la canzone. Ma si sbaglia, domenica non e’ sempre domenica; non e’ domenica, senza il saluto di Mirna. Con caffe’, sia ben chiaro. Con caffe’.
    Ciao Mirna 🙂
    Cosa farai al 25 aprile? Io non lo so, ma non saro’ al lavoro. Mi accontendo di qualce ponte. Intanto ho scritto due parole dolci per la Fornero 😆
    Ciao, buona domenica 🙂

    Marghian

    • Io il 25 sarò al lavoro, dalle 16 al termine del concerto che inizierà alle 21….ho lavorato pure venerdì sera (oltre ad aver fatto il mio servizio nel pomeriggio) ieri pomeriggio, e per fortuna mi hanno concesso le ferie il 24 dopo un tiramolla di no,sì, sì no……alla fine sono stati clementi e lo hanno concesso a me ed una collega, che però saremo di servizio il 25……beh meglio non pensarci e godermi questi due giorni di riposo
      Buon ponte 🙂

      • Vedo che ne sai qualcosa anche tu Mirna. Io ti ho raccontato che per nove anni semplicemente non ho vissuto. Al lavoro..e al lavoro. Pensa che degli amici con cui uscivo il sabato sera smisero quasi di venirmi a cercare, perche’ ci dicevo “non posso, devo andare al lavoro domani..”. E quando uscivo con loro, dovevo dire “porto anche la mia macchina perche’ devo rientrare prima. Lasciavo gli amici all’una, e andavo in servizio, alle 8 iniziava il servizio. La domenica sera venivo sempre a sapere che gli amici rientravano alle tre. Cosa che io non potevo permettermi di fare. Talvolta lo facevo, ma trascorrevo la mattina di domenica in servizio assonnato.

        Due colleghi fecero il nome mio e di un altro, in una lettera alla soprintendenza di Cagliari, a che fossimo trasferiti li’. Ad uno di loro, eravamo insieme di notturna, dissi proprio questo:”per colpa vostra cari – nomi…- rischio di perderci gli amici, non so se mi spiego…io da scapolo non posso farmi un sabato sera..”- e quello: “eh, dai, ti restano soldi con i turni!”. Io: “ma che mi frega, sono da solo e voglio almeno godermi gli amici, e non venire sempre qui ogni festivo, per voi sposati e’ diverso..”piu’ soldi…” ma alla fine, conta solo questo? Non credo…”. E non e’ poi vero, la benzina, il consumo della macchina, sono il doppio dei chilometri, e lo sai..” Eh, vecchi ricordi. Questa volta mi sono risparmiato di raccontartelo in sardo 🙂 Ciao Mirna.

        Marghian

        • Il fatto è che a me non viene in tasca nulla da questi festivi o serate….sì ore da recuperare, ma poi non è mai il momento di recuperarle, e te le fanno fare quando è comodo loro, e poi si lamentano le commesse che sembra che i festivi lavorino solo loro , mah non voglio alimentare polemiche…..ti auguro una buona serata, o forse vista l’ora Buonanotte

          • Mirna, vedo ora che e’ apparso un tuo commento “intermedio” fra il mio prima e questo che ho postato adesso, dove ti ho specificato qualcosa. Guarda, leggendoti sembra quasi un commento mio, tanto sono simili le situazioni descritte: “ì ore da recuperare, ma poi non è mai il momento di recuperarle, e te le fanno fare quando è comodo loro..” esattamente, proprio cosi’. Che ci vogliamo fare? Non pensiamoci troppo. Lo so, per me- ma adesso…- e’ facile..-Lo so 🙂
            E’ un po’ come diceva il mio papa’, ci hanno messo al mondo e deppeus truppellài-” e dobbiamo tribolare-. Daavvero, lo diceva mezzo in italiano e mezzo in sardo, come te l’ho scritto 🙂 Ciao.

        • Ah, per spiegarmi meglio: “sono il doppio dei chilometri..” , era riferito alla sede precedente, che era nella citta’ dove lavoro adesso, ma non archivio di stato. Un altro sito archeologico, dove lavoravo dal 1992. In quattro anni, lavorai li’ solo due domeniche. Nel 1996 arrivo’ la letterina dell’ordine di servizio.Ero rientrato dalle ferie quel giorno, ero di servizio pomeriggio. Io e un altro dovevamo *dall’indomani, prendere servizio li’, in quel famoso posto. Dal 17 luglio del 1996 al 19 settembre del 2005. Come vedi, tengo bene i conti. Ma a mente, non mi scrivo quasi niente. Fortuna che adesso e’ molto diverso, arriva il venerdi’ pomeriggio..e via. Ci sono, si’, delle domeniche o sabati di servizio, ma quattro o cinque all’anno. E li lavoro molto volentieri, il giusto e’ giusto. Ma il giusto,,,, Ciao ciao 🙂

    • Ciao Lucetta…..beh sino a ieri in casa ho tenuto il riscaldamento acceso, oggi è meno freddo, ma per i miei gusti troppo umido, è un periodo che lavoriamo molto , ma tiro avanti 😉 buona domenica Lucetta

    • “Almeno in senso meteorologico”. Per me, il senso meteorologico influisce su altro. Vedo gente, in piazza, che in inverno non vedo mai. Bella stagione, meno solitudine,. e non e’ poco. Viva la bella stagione, e l’estate prossima ventura. Ciao Lucia 🙂

      Marghian

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...