30 commenti su “SCUSATE LO SFOGO MA…..

  1. In effetti la vicenda mi è sempre risultata strana. Si era detto che aveva una madre questo ragazzo e, facendo due conti, un tetto e una pensione minima, più lo stipendio da precario, gli potevano dare un minimo di dignità. oltre a ciò con l’ultima riforma della scuola c’era la speranza di rientrare nella cerchia dei nuovi assunti, o comunque attendere il prossimo concorso per stabilizzarsi. Evidentemente c’era dell’altro sotto, e la depressione fa brutti scherzi. Mi fa piacere che hai riportato questa notizia. Evidentemente la tv ha politicizzato ancora una volta un qualcosa di puramente personale.

  2. Se è vero quello che dice la madre, non dobbiamo cercare i colpevoli in chi governa… piuttosto in chi “cura”. La Sanità è spesso Malasanità anche per colpa della Medicina Accademica che crede solo nella chimica e nella chirurgia.
    Buona Domenica.
    Quarc

  3. Vero che non bisogna strumentalizzare il dolore. Ma lo scempio che la società del benessere sta facendo delle umane debolezze e diversità è francamente non più sopportabile. Ci interessano molto di più altre vicende cui siamo legati da interessi personali e, soprattutto, economici. Ci siamo fatti fagocitare da un sistema che ci vuole sottomessi, silenziosi e belanti e che non ci offre nemmeno la giusta assistenza. Ti curi e sei assistito se hai i soldi. Tutti gli altri, aspettino. Ti abbraccio Mirna e grazie per questo post. Triste notizia, triste vicenda.🙂 Buonanotte.

  4. Ma dimmi te Mirna, avevo letto, fanno qualunque cosa per far notizia, ti abbraccio cara, buonanotte e buona domenica, hai fatto bene a parlarne,❤

  5. Basterebbe che certi giornalisti imparassero a fare il loro mestiere, con un briciolo di umiltà e un po’ più di serietà!
    Buona serata.

      • Molti anni fa, lavoravo in un’altra regione. Mio padre aveva le api da cui ricavavamo il miele e aveva fatto costruire un’arnia con le quattro pareti di vetro, oscurate da coprivetri di legno da poter togliere quando venivano le scolaresche in visita e mio padre poteva far vedere le api ai bambini in tutta sicurezza e spiegare loro la vita di questi insetti. Un giorno un conoscente mi portò il giornale della mia provincia perché vi era un articolo che mostrava la foto di mio padre, dell’arnia e di una scolaresca e l’articolo raccontava questi fatti, parlando di “centinaia” di arnie di vetro. Telefonai subito a casa meravigliata che mio padre avesse fatto costruire così tante arnie speciali chiedendo una spiegazione. Lui fece una sonora risata, di arnie speciali ne aveva una e una sola e di quelle normali ne aveva parecchie ma non un centinaio.
        Strani i giornalisti, vero?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...