poesia

Invernali impressioni

Scorrono lente
le algide ore del giorno

quando con argentea penna
fiori traccia l’inverno
sui vetri scintillanti .

Vaga il pettirosso
nei giardini a ricercar
le rosse bacche

fievole lo zirlar
del merlo tra gli
spogli rami

immersi nella mota
sono i campi

austere
le navate dei boschi
sugli innevati monti.

Tutto
è avvolto da un mistico silenzio
a rispettar
il sonno quieto della terra.

S’ode soltanto
il crepitio gioioso
dei ciocchi nei focolari
quando il fuoco disegna
fiori più belli delle rose.

()